Poesie, Scrittori salentini

Uthràntu

di Nicola G. De Donno

Chiesa Greca a Otranto
Pasquale Urso: Otranto, litografia

ad Oreste Macrì

Mare de sale, jentu senza cantu:
a Uthràntu cinque sèculi de jentu,
frange de cràuli an celu, e stu spamientu
ca dura, e llu ribbombu de ddhu scıantu.

Cusì t’ài sthrutta a pelle e chiesa, Uthràntu,
ma ogni annu su llu cippu alli Ottucentu
se scunùcchiene l’osse, e allu Salentu
li cràmmani ricordi, e chiami chiantu.

Piccinni nuti cu rrena pe mmantu
àlica sporca de scoma de mare
scàvane scàvane a gnenti thruvare.

O pe tthruvare reliquie de Santu,
isca de paratisu, a frasturnare
pena de pane vera a vanu vantu.

Otranto. Mare di sale, vento senza canto: / ad Otranto cinque secoli di vento, / frange di cornacchie in cielo, e questo spavento / che dura, ed il rimbombo di quello schianto. // Così ti sei consumata a pelle e chiesa, Otranto, / ma ogni anno sul ceppo agli Ottocento / si disarticolano le ossa, ed al Salento / gli càrmini memorie, e chiami pianto. // Fanciulli nudi con rena per veste / alghe sporche di schiuma di mare / scavano scavano a niente trovare. // O per trovare reliquie di Santi, / esca di paradiso, a distrarre / pena di pane vera a vano vanto.

(in “Cronache e Paràbbule”, Bari /S. Spirito, Centro librario, 1972
poi in “Nicola G. De Donno – Tutte le poesie”, a cura di Simone Giorgino, vol. I, Lecce, Milella, 2016)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...