Cultura salentina

L’amore secondo il dialetto

di Franco Albani

Pasquale Urso: Colori e sapori (olio su tela)

Se oggi il problema principale di un genitore è quello di trovare un posto di lavoro per il proprio figlio, svariati decenni fa era quello di accasare la figlia. E poiché secondo il detto popolare:

La uagnona è comu la sita

quantu cchiù cara la tieni, cchiù cara la indi,

non era facile per i giovanotti di allora avvicinare una ragazza e quando era fattibile si poteva semplicemente parlare sulla soglia di casa o scambiarsi qualche furtivo e innocente bacio.

Il corteggiamento avveniva indirettamente attraverso brevi ma significativi messaggi canori sia sul posto di lavoro, che sotto la finestra dell’amata:

Qua nnanti se puggiau la mia speranza

amame beddha cu lla toa presenza

ura pe’ ura l’amore avanza

pe’ llu despiettu te ci male penza.

A volte si assisteva a contrasti veri e propri:

Lei: cce me uardi, cce me mmiri

nc’è lu periculu ca me uei?

Lui: ièu te uardu, ièu te mmiru

ca me pari nna facce te milu.

Lei: nu mme uardare, nu me mmirare ca nu

mbolenu li toi.

Lui: tie a lli mei nu nc’à pensare

tutti e ddoi n’imu amare.

Il contrasto continuava fino a quando la ragazza non cedeva.

Non sempre le cose andavano per il verso giusto e quando si arrivava alla rottura era un dramma per la famiglia della ragazza, la quale si lasciava andare ad apprezzamenti poco simpatici nei confronti dell’ex.

Quest’ultimo, tramite ambasciate o stornelli sotto la finestra, replicava così:

Te lu sçiardinu tou fuesi lu patrunu

te pizzu a pizzu l’àggiu giratu

mo’ c’àggiu ccuetu lu milu granatu

lu mbrecuecu tou caru tenutu

mo’ ca misu le scrasçe a llu vatu

trasa ci ole ca ièu me nde su’ sciutu.

Per la ragazza lasciata diventava difficile trovare uno straccio di marito e quando qualcuno le si avvicinava ci pensava il vicinato a tentare di dissuaderlo:

A sta strada nc’ete ma muscia resta

ca cerne la farina cu lla cuta;

se àe uantandu ca la tota è fatta

maritu nu nde ttròa ca è faccitosta.

Te nna sçiumenta cammara

nu pigghiare mai la figghia

ca ci nu bb’ ete tutta cammara

a lla mamma se ssumigghia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...