Poesie, Scrittori salentini

A VECCHIAREḌḌA

di Vitale Boccadamo

 

© Pasquale Urso: Lavoro nel vicolo (incisione)

 

Na vecchia de ottant’anni e china ’e quai

li vinne ’mmente nu ggiurnu ’sse mmera,

ma quannu poi se ncorse de comu era

’isse: – È mmeju cu no mme vardu mai.

O ffocu meu, comu su’ ridotta:

varda ’sta pelle, ogni ggiurnu se rrigna,

e minne su’ do’ pale ’e ficarigna;

non c’è de fare, oramai su’ cotta!

Tinia l’anche ca erine do’ cippi,

e mo’ su’ comu asche ’e stoccapisce,

tutte siccate, e cchiui no sse capisce

ci su’ margiali[1] oppuru su’ do’ zzippi.

I capiḍḍi, sciroccu o tramuntana,

erine d’oru e mo’ situle ’e porcu;

a uce è comu quira ’u Nanniorcu[2]:

primu squillava comu na campana.

E cije ca pariune de vellutu

e l’occhi comu quiri ’e nna fuina:

te bursicchiaune pesciu de nna uina,

e mo’ ci se scarassine è già mmutu.

E sutta ’ll’occhi poi tegnu do’ bborse

ca poi scire alla chiazza ’u lunidia;

a ’ru spicciau tutta a bellezza mia?

Fice bbonu marituma ca morse!

Poi su’ ridotta quasi senza denti:

mo’ bbasta puru na fica siccata

ca ota spota m’a fazzu na sciurnata;

e cce aggiu ffare, se no ccazzu nenti!

Sine, va bene, quarcunu è rrimastu,

ma se ’i mmisuri no su’ cchiui de doi

e tutti ’a menza ’e susu e fa’ cce bboi

no lli cumminu quasi mai a cuntrastu.

Tinia na ventre bella, liscia e ianca

e moi nvece è tutta nu viḍḍicu.

E cchiù sutta? È mmeju cu no ddicu;

puru ca ulia u curaggiu me manca. –

Intantu na nipute a rreta a porta

’a spijava e rridia cu tuttu u core:

– Cce mme ridi, schifosa, essi fore!

Cce tte cridi ca no me n’aggiu ncorta? –

E mentre se nfilava ’ttorna a gonna

’isse: – Va bene, moi su’ vecchiareḍḍa

ma de vagnona puru ieu era beḍḍa;

tie cerca ’rrivi all’età de a nonna! –


[1] Manici di legno duro che servono da impugnatura per attrezzi agricoli come le zappe.

[2] Figura fantastica di un orco cattivo evocato per spaventare i bambini.

 

LA VECCHIERELLA

Una vecchia di ottant’anni e piena di guai

ebbe l’idea un giorno di specchiarsi,

ma quando poi si accorse di com’era

disse: – È meglio che non mi guardi mai.

Povera me, come son ridotta:

guarda questa pelle, ogni giorno si raggrinzisce;

le mammelle son due pale di ficodindia;

non c’è da fare, oramai son cotta!

Avevo le gambe che erano due ceppi,

e adesso son come pezzi di stoccafisso,

tutte secche e più non si capisce

se sono manici oppure due fuscelli.

I capelli, o scirocco o tramontana

erano d’oro e adesso setole di porco;

la voce è come quella del Grande Orco:

prima squillava come una campana.

Le ciglia che sembravano di velluto

e gli occhi come quelli di una faina:

ti frustavano peggio di uno scudiscio

e ora se si socchiudono è già tanto.

E sotto gli occhi poi tengo due borse

con cui puoi andare al mercato del lunedì;

dove finì tutta la bellezza mia?

Fece bene mio marito che morì!

Poi son ridotta quasi senza denti:

adesso basta anche un fico secco

che gira e rigira mi dura una giornata.

E che devo fare se non mastico niente!

Si, va bene, qualcuno è rimasto

ma se li conti non son più di due

e tutti dalla parte di sopra e per quanto faccia

non li combino quasi mai a contrasto.

Avevo una pancia bella liscia e bianca

e ora invece è tutta un ombelico.

E più giù? È meglio che non dico,

quand’anche volessi il coraggio mi manca. –

Intanto una nipote dietro la porta

la spiava e rideva con tutto il cuore:

-Perché ridi, schifosa, esci fuori!

Cosa credi che non me ne sia accorta?

E mentre si infilava di nuovo la gonna disse:

– Va bene, ora son vecchierella,

ma da ragazza anch’io ero bella;

tu cerca di arrivare all’età della nonna!

 – Traduzione di A vecchiareḍḍa, dalla raccolta Storielle Paesane, 2005, di Vitale Boccadamo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...