Cultura salentina

e quindi Verri…

di Luca Crastolla

 

Gianpaolo Talani: Due ombre che aspettano – 100x90cm – Olio su tela – 2007

 

e quindi, Verri, un tazebao tirato in lungo

e in largo, di certo le uascèzze, le chincaglierie

e i viruzzi -più giù sono curli-, ma diamine

se i display non folgorano la rètina e le reti

Assembrati tutti sotto un sole di silicio, qualcuno

ancora tinto dal verderame; qualcuno

che torna alle colossali eredità

sempreverdi e ritorte o ai bizantini pigmenti

lasciati sull’ampia pietraia finita nei mocassini

come pietruzza da fastidio per le grandiose

visioni degli assessorati all’ipermercato

alla tristezza, al telegenico abbiocco.

Come ti risollevi, Verri guercio e mirabile

-mirabile MenhirAntonio- in questa

dòmovina sconsacrata dalla storia

gambizzata dal padronaggio? Abbun

abbun te ne vieni con parole irreperibili

barbaresche rilegature. Oggi vendiamo pentole

pentolame nemmeno più tappeti; notti di tarante

innocue agli annoiati, agli stagionali

che s’incolonnano lieti per due frise canadesi

da Tunisi i lupini e non ci addoniamo delle torri:

restano a guardare il gasdotto, come c’impala

come c’impala ci spatria carichi a chiacchiere di paesologia

Note:

– Uascèzze: termine della Puglia centrale che indica un banchetto chiassoso dove non può mancare l’ebrezza del vino

– Virruzzo: nel dialetto della Puglia centrale, o curlo in Salentino, è un particolare tipo di trottola in legno attivata tirando una cordicella arrotolata intorno alla trottola stessa.

-Abbun abbun: locuzione della Puglia centrale che significa all’improvviso

-Addonare termine napoletano che significa avvedersi

-Dòmovina: termine intraducibile in Italiano che ha un suo corrispettivo nel Tedesco Heimat, traducibile con “casa”, “piccola patria” o “luogo natio”. L’Heimat è il territorio in cui ci si sente a casa propria perché vi si è nati, vi si è trascorsa l’infanzia o vi si parla la lingua degli affetti. Differisce dal termine Vaterland perché esso riferendosi alla patria da accesso a un significato legato a una dimensione statale o culturale più grande.

– MenhirAntonio: nome con cui il poeta leccese Maurizio Nocera si è riferito all’amico Verri

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...