Poesie, Scrittori salentini

Lòja zimomèna (Parole impastate)- testo in griko con traduzione in italiano-

di Salvatore Lolli

 

Foto di Mira Lolli

Lòja fermèna mian forà atton Egeo,

fermèna apù Atène, ò apù Delfi,

à apò ‘nan àddho merèo tìs to zzèri,

spermèna pukanène sto Salènto.

Ambèjammèna amèsa ta potària

amèsa t‘ampèja, apànu mian sucèa,

apànu sta gonìa, cèssu ‘a furnàcia

stin agra atti tàlassa is Derentò….

 

Lòja zimomèna azze ‘nan cerò….

diavemmèno ce allimonimmèno,

parmèna pukanène atton ànemo.

 

Zimomèna me t‘avlèsti c’‘in arìna

alimmèna me ta chèria so mùso,

na min allimonìsume tis ìmesta

na min allimonìsume pùtten erkumèsta.

 

Lòja zimomèna pu àfika so chorìo

triànta chrònu ampì ja ti zzenìa,

ta ìcha allimonìsonta m’‘on cerò

i pandemìa mu ta èdike òla ampì

ce den tèlune na m’afìkune plèo…

 

******

Parole portate una volta dall‘Egeo,

portate da Atene,  da Delfi,

o da un’ altra parte chi lo sà….

seminate dappertutto nel Salento.

 

Buttate in mezzo agli alberi di ulivo

tra i vigneti, sopra un albero di fico,

sopra le pietre, dentro le capanne in pietra

alla riva del mare ad Otranto….

 

Parole impastate da un tempo…

passato e dimenticato,

trasportate dappertutto dal vento.

 

Impastate con calce e sabbia

spalmate con le mani sulla faccia

per non dimenticare chi siamo

per non dimenticare da dove veniamo.

 

Parole che ho lasciato al paese

trent’anni fa per partire all‘estero,

con il tempo le avevo dimenticate,

la pandemia me le ha ridate indietro

e non vogliono lasciarmi più….

-Tèro / Giugno 2022

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...