Cultura salentina

Paul Bourget e Sigismondo Castromediano

di Lucio Causo 

Anatole France ritratto da Auguste Leroux, 1906

Anatol France definì Balzac un immenso mare letterario e Paul Bourget  un gran mare di letteratura elegante.

I romanzi del Bourget sono romanzi di costume come quelli di Balzac, di Flaubert e di Zola, ma egli propone una letteratura analitica e presenta personaggi narrati con precisione efficace, filtrata attraverso le loro vicende spirituali.

Diego Valeri affermò che gli italiani devono a Paul Bourget  (1852-1935) ragionevole riconoscenza per il suo fedele attaccamento alla nostra nazione, ed osservò che le Sensations d’Italie, terminate nel 1891, pubblicate dopo le Nouveaux Essais de psychologie contemporaine, costituiscono la vera identità del suo pensiero maturato durante gli ultimi anni del secolo XIX.

Paul Bourget raggiunse il Salento che lo ricorda con una lapide infissa sulla facciata di Palazzo Carafa di Lecce ( La Città di Lecce volle ricordato in questa lapide il nome di Paul Bourget che nel libro Sensations d’Italie scrivendone con fervida parola le crebbe rinomanza ovunque suona il dolce nome della nazione sorella. Maggio MCMX ) e nel capitolo XXI delle Sensations d’Italie ove si legge la data del 1891 ed il titolo: Un martire del Risorgimento. Il martire è Sigismondo Castromediano di Cavallino (1811-1895), per il quale l’On. Gaetano Gorgoni, in ricordo dello storico evento, volle convocare illustri studiosi del Risorgimento per onorare la memoria degli artefici della storia risorgimentale del profondo Sud.

Le prime frasi del capitolo XXI possono tradursi in questi termini: La mia visita al Castello di Cavallino mi ha permesso di contemplare, come un’apparizione dei tempi storici d’Italia, incarnati in un vegliardo, il duca Sigismondo Castromediano, un cavallo chiamato Cavallino ed un cocchiere che da buon cittadino leccese si chiama Oronzo, il quale conduce una vettura chiamata dagli italiani carrozzella. Il cocchiere, la vettura, il viaggiatore e la bestia sono protetti dal malocchio per mezzo di una mano di rame fissata sul collare, con due dita che formano le corna.

Nelle Sensations, Bourget scrive che la strada per Cavallino attraversa una pianura immensa; poi si giunge al villaggio dove sorge il Castello che non offre alcun fasto dei tempi trascorsi, fra le rovine dovute ad un totale abbandono. Si presenta un vecchio signore di ottanta anni vestito di nero, dalla statura gigantesca, nonostante la sua infermità, con un’espressione nobile e melanconica per il destino che l’ha colpito, senza che egli smentisse il sangue della sua stirpe.

La grande vocazione per il romanzo subisce l’amorevole descrizione del personaggio incontrato in un momento in cui lo scetticismo, contemporaneamente al movimento romantico, delinea il linguaggio di grandi poeti e scrittori. Paul Bourget, durante il viaggio di ritorno da Cavallino verso Lecce, legge le memorie di Castromediano pubblicate dalla Tipografia Salentina, a cura di Raffaele Ricci. Si soffermò in particolare sul capitolo riguardante le carceri e le galere politiche del Regno di Napoli, definendo quelle pagine di grande educazione civile al pari delle Ricordanze di Settembrini. Lo scrittore francese recepì pienamente lo sconvolgimento subìto dal martire salentino per le accuse che si sussurravano nei suoi confronti, per gli arricchimenti illeciti che gli furono attribuiti, e scrivendo al compagno di sventura Nicola Donadio lamentava questa sua sofferenza spirituale che si aggiungeva a quella fisica procuratagli dalle guardie borboniche nelle galere di Montefusco e di Montesarchio.

Lo scrittore francese, pur rimanendo fedele alla lezione di Hippolyte Taine, fautore del positivismo sociologico e teorico del naturalismo francese, ritrovò sin dal 1889 l’ispirazione cattolica rivelata nelle Sensations d’Italie e particolarmente nel capitolo XXI e questa considerazione viene confermata dalla descrizione analitica dell’illustre personaggio salentino che con il suo sacrificio e le sue azioni determinò il superamento delle realtà istituzionali del tempo per raggiungere nuovi traguardi di conquiste civili.

 

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...