Poesia

Parlano la nostra stessa lingua i Galli?

di Maria Rosaria Madonna

Parlano la nostra stessa lingua i Galli?
Si sono riuniti in camera di Consiglio il Console
con i Tribuni della plebe
e i Legati del Senato… c’è un via vai di toghe
scarlatte, di faccendieri
e di bianche tuniche di lino dalle dande dorate
per le vie dell’Acropoli… Continua a leggere “Parlano la nostra stessa lingua i Galli?”

Pubblicità
cultura meridionale, Poesia

Cercherai il tempo…

di Tina Rizzo De Giovanni

Giuseppe Diso, Inverno (2016), Olio su tela

Cercherai il tempo

Le stagioni passate

Il canto di usignoli

le cinciarelle vocianti

Il concerto solitario

Dei grilli a Cristo

Continua a leggere “Cercherai il tempo…”
Poesia

Incontro con Parmenide ad una sagra di funghi mentre gli pende un fusillo dalle labbra

di Franco Intini

Jackson Pollock: Action Painting 12, 1949

-Il lungo tratto d’intestino porta ad Elea.

Ed è subito crasso.

 

La strada restringe il suo ragionamento in un parcheggio per belle di notte.

Una piantina che si alza gli slip, ansia pubica nei pistoni fucsia.

 

-Sono tutti qui a parlare di Essere ma investono in pollo arrosto.

I residui raccolti il lunedì e riciclati in un barattolo di carciofi sottolio.

 

Gli incisivi di Putin che sbattono su quelli di Biden.

Mandibole libere dal masticare. Il trionfo del Trigemino sul Sole.

 

Agli opliti -gli stuzzicadenti spartani delle Termopili-

il compito di liberare i canini dalle vettovaglie.

 

Avresti giurato sull’olfatto di Zenone ma seguì una freccia tricolore

In cui la digestione sfiniva in ruminare

E gli ossi delle olive si contavano all’infinito.

 

Le pistolettate di Clint Eastwood bucarono la Via Lattea

e finirono sui gigli di San Pancrazio: i senza culo.

cultura meridionale, Poesia

Come è triste questo nostro mare d’agosto…

di Carmine Lubrano

come è triste questo nostro mare d’agosto

pazziando pazziando nella piazza

pazziamo

in-pazziamo pazzarielli e pullecenielli

come è triste

Continua a leggere “Come è triste questo nostro mare d’agosto…”