Poesie, Scrittori salentini

Ti regalo le foglie sconfitte del mio cuore…

di Leo Luceri

In Grecia, per i 200 anni dalla rivoluzione contro i turchi che portò all’indipendenza del paese così a lungo desiderata, si sono svolti festeggiamenti particolarmente sentiti.  Per rendere omaggio a questo paese a noi così vicino e, soprattutto nei paesi della Grecìa, sentito come seconda patria, dedico alcuni versi ispirati all’Erotòkritos, il grande romanzo amoroso-cavalleresco dell’inizio del XVII secolo. Sono in greco, in griko e in italiano: Continua a leggere “Ti regalo le foglie sconfitte del mio cuore…”

Racconti, Scrittori salentini

Meritocrazia

di Mimì Mastria

Concorsi pubblici in digitale: così la PA garantisce trasparenza,  imparzialità e tutela dei diritti | Agenda Digitale 

Ferdinando Russo era un giovane uomo di trentacinque anni quando si era sposato con Assunta e nel giro di quattro anni la coppia aveva avuto due bambini. Di famiglia contadina, aveva fatto solo la quinta elementare e sin da ragazzo aveva aiutato il padre a lavorare in campagna e a vendere al mercato la verdura. Quando aveva un po’ di tempo libero, soprattutto la sera, andava a lavorare in qualche pizzeria a fare il cameriere. Continua a leggere “Meritocrazia”

Scrittori salentini

Sulle strade del Sud…

di Michele Sabato

Potrebbe essere un contenuto artistico raffigurante attività all'aperto e albero
Giuseppe Diso, “Paesaggio “, olio su cartone telato, 2021

Sulle strade del Sud non ha tempo il lungo inverno. Nel silenzio dell’alba striscia roseo tra le case come un biacco e poi svanisce tra le crepe senza fare più ritorno. Continua a leggere “Sulle strade del Sud…”

Poesie, Scrittori salentini

A VECCHIAREḌḌA

di Vitale Boccadamo

 

© Pasquale Urso: Lavoro nel vicolo (incisione)

 

Na vecchia de ottant’anni e china ’e quai

li vinne ’mmente nu ggiurnu ’sse mmera,

ma quannu poi se ncorse de comu era

’isse: – È mmeju cu no mme vardu mai.

Continua a leggere “A VECCHIAREḌḌA”
Racconti, Scrittori salentini

Mr. George Davis and his Wife- Quarto episodio –

di Lorenzo De Donno

Il Detailing

Edward Hopper, “South Carolina Morning” (Mattino in South Carolina), 1955

A quell’ora Eveline, di norma, si sedeva a un divanetto comodo del soggiorno per leggere. Infatti lei era là, immersa in un thriller avvincente, con la testa un po’ retratta fra le spalle, in posizione di difesa, immedesimata – come accadeva sempre – con il personaggio femminile del libro. Questa volta era una detective sotto falsa identità e il serial killer stava per aggredirla alle spalle. Il rumore della porta d’ingresso che si richiudeva la fece sobbalzare. Poi George si affacciò nella sala del cottage: – Ti restituisco le chiavi della tua Mini. Piove ancora, tanto per cambiare – disse, rassegnato – E inizia a fare freddo. E’ proprio un’avvisaglia d’autunno… –

Continua a leggere “Mr. George Davis and his Wife- Quarto episodio –”

Cultura salentina, Racconti, Scrittori salentini

Chi ha paura del buio?

di Pino Refolo

Pablo Picasso, La famiglia di arlecchino«E quando ci arrabbieremo, prenderemo chilometri e chilometri di corda per fare degli enormi lazi. Li lanceremo in cielo e tireremo giù una volta per tutte le stelle e quella stupida luna. Così nessuno guardando il cielo potrà più dire: che luna, che stelle, perché non c’é poesia lassù, ma soltanto scienza, chimica…» Continua a leggere “Chi ha paura del buio?”

Poesie, Scrittori salentini

(per Adùnia, ma per Totò e Paola)

di Antonio L. Verri

Comincia col dire quello che avresti voluto

fare dire capire i palchi la nuova casa

che io mi sento ormai morto anche

se a quest’ora in piazza a Martano

l’Emporio è quello che più mi attrae

Continua a leggere “(per Adùnia, ma per Totò e Paola)”

Poesie, Scrittori salentini

Trittico di un cammino lucano

di Luca Crastolla

 

Craco – Veduta
da Wikipedia: Di Maurizio Moro5153 – Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=94541856

 

(con una nota di Alfonso Guida)

                          verso Craco

sulla crosta, l’acqua serpeggia

mostra la mela, nasconde la coda.

Sul cuoio del pachiderma d’argilla

terrestre, crea e corrompe

il vaso, strade e camminamenti.

Continua a leggere “Trittico di un cammino lucano”