Poesie, Scrittori salentini

Natale

di Giuseppe Cambò

 

La Natività di Saverio Lillo

 

E’ difficile truare le parole

Pe’ spiecare la festa de Natale.

Anzi: Natale lu poi sulu ssapurare!

Natale è lu ‘ndoru ca te ccoje

Continua a leggere “Natale”
Poesie, Scrittori salentini

Questione di tempo

di Pina Petracca

G. Diso, “Tra le rive di grano”, olio su tela, 50×80, 2020

Stride

l’inquieto filo

tra la calce e il cemento.

Guardo il tetto

Continua a leggere “Questione di tempo”
Poesie, Scrittori salentini

Avenida gardel

di Biagio Liberti

 

Automat (Tavola calda), opera di Edward Hopper
Automat (Tavola calda), Edward Hopper, 1927 • Pittura a olio, 71 cm x 91 cm • Il quadro è conservato presso il Des Moines Art Center, Iowa (USA)

 


I suoi capelli
ricordano un’opera
quattro frasi da Teresa
e le ragazze ai confini dei cinema
qui c’è un vento
che agguanta i suoi desideri
lontani ed indecisi

Continua a leggere “Avenida gardel”
Poesie, Scrittori salentini

Un solo filo

di Maria Grazia Anglano

 

G. Diso: “Casolare abbandonato “, olio su cartone telato, 2020

 

Cosicché, attraversiamo tante vite, per fuggire la nostra.
Come da foglia a foglia, dello stesso albero. 
E c’è un solo filo, lungo e sottile,

Continua a leggere “Un solo filo”

Poesie, Scrittori salentini

Claudia delle biblioteche

di Biagio Liberti

“Le more raccoglile lontano dalla strada”
avevi strane espressioni dopo l’ amore
e prima di partire per Chicago


“se trovi un fiore nel cemento dei marciapiedi
verso il tube, raccoglilo e mandamelo,
in cartolina panoramica”

Continua a leggere “Claudia delle biblioteche”
Cultura salentina, Poesie, Scrittori salentini

Speranza in canto

di Maria Cezza

Lucian Freud: woman in a grey sweater – 1988

Mi sono sradicata da dosso l’Umanità
un tempo.
I rami delle braccia li ho annodati al tronco.
Ho fatto di me un busto.
Continua a leggere “Speranza in canto”

Cultura salentina, Poesie, Scrittori salentini

Il Tao

di Maria Cezza

Giuseppe Diso: ritratto

Il Tao

E forse non mi accorgerei del ragazzino
che viene dalla stazione,
affidato
ad ogni sera
dall’ultimo treno;
lasciato da un vagone.
E siamo solo noi.
Unica cosa che si muove. Continua a leggere “Il Tao”