Cultura salentina

L’augurio di un anno migliore

La cultura non si eredita, si conquista. (André Malraux)

In questi anni trascorsi a cercare di descrivere il Salento, le sue bellezze, le sue criticità, la sua storia, il suo derma intellettuale, Cultura Salentina ha sempre ribadito un concetto importante: la conoscenza di un territorio è fondamentale non solo per viverci bene e consapevolmente, ma anche per migliorarlo, e questa è solo una premessa.

Continua a leggere “L’augurio di un anno migliore”

Cultura salentina, Opinioni, Pensiero meridionale

Un anno di ricordi e uno di speranza

Augurarsi e augurare che l’anno nuovo risulti migliore del precedente è consuetudine antica. E significativa. Ci dice come in tutta la storia dell’umanità non ci sia mai stato un anno così ben riuscito da chiedergli il bis.

Pino Caruso (Ho dei pensieri che non condivido, 2009)

Pettirosso
Pettirosso nella Riserva Naturale Le Cesine (®Agnese Bascià)

Continua a leggere “Un anno di ricordi e uno di speranza”

Antropologia culturale, Cultura salentina, Gastronomia, Scrivere il Salento, Tradizioni

I profumi del Natale

Purceddhuzzi
I purceddhuzzi (Wikipedia)

Invitare qualcuno a pranzo vuol dire incaricarsi della felicità di questa persona durante le ore che egli passa sotto il vostro tetto. Anthelme Brillat-Savarin

Continua a leggere “I profumi del Natale”

Ambiente, Territorio

I numeri e la realtà

Un paesaggio è uno stato d’animo.

Henri Frédéric Amiel, Diario intimo, 1839/81 (postumo, 1976/94)

Immagine
Uno scorcio del viale che porta al Bosco di Cerano

Questo articolo è frutto di una passeggiata nel Bosco di Cerano, di una riflessione, di tanta passione per il Salento e per le bellezze ambientali che lo caratterizzano, ma anche della rabbia per tutto quello che lo deturpa e di sconforto di fronte a quante volte la necessità di lavoro ha fatto sì che interi territori si svendessero a colossi industriali privi di scrupoli nei confronti dell’ambiente. Continua a leggere “I numeri e la realtà”

Pittura

Simbolismo e ricerca interiore nelle opere di Mimmo Antieri

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un pubblico affezionato quello che aspetta di vedere le  opere pittoriche di Mimmo Antieri, artista certamente non figurativo, ma che ha fatto dell’astrattismo un originale cavallo di battaglia. Continua a leggere “Simbolismo e ricerca interiore nelle opere di Mimmo Antieri”

Cultura salentina, Opinioni, Pensiero meridionale

Generazione Y: lavoratori dinamici, tecnologici e… molto disoccupati

La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto.

Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.

(Art. 4 Costituzione Italiana)

Continua a leggere “Generazione Y: lavoratori dinamici, tecnologici e… molto disoccupati”

Bibliografia, Recensioni, Storia

Il colore del melograno: la disfatta dell’ideologia albanese dietro la rinascita di un uomo

 

Il colore del melograno di Giuseppe Scelsi

In alcune giornate terse, quelle di tramontana che diradano le nebbie in mare, dalle coste salentine si vedono i monti dell’Albania: tanto è vicina geograficamente questa terra, tanto è sconosciuta nelle vicende storiche e culturali, che pur tuttavia si sono intrecciate con quelle italiane prima e dopo la caduta del regime comunista. Continua a leggere “Il colore del melograno: la disfatta dell’ideologia albanese dietro la rinascita di un uomo”

Ambiente, Territorio

Un pensiero al giorno: riconciliarsi con l’ambiente

Emil Cioran ha detto:

“Ammettendo l’uomo, la natura ha commesso molto più di un errore di calcolo: un attentato a se stessa.”

 

Ulivi - foto di Agnese Bascià (© tutti i diritti riservati)

 

Notizie come la scoperta di una discarica abusiva nelle campagne di Vitigliano, vicino a Santa Cesarea Terme, sono sempre più frequenti e questo nostro sito è diventato ormai un luogo virtuale in cui denunciare la pericolosa situazione ambientale del Salento. Continua a leggere “Un pensiero al giorno: riconciliarsi con l’ambiente”

Ambiente, Arte, Cultura salentina, Scrivere il Salento

Storia, filosofia ed ecologia del colore: il verde Salento

Mentre in filosofia — dai greci come Aristotele a scienziati come Newton — e nel campo artistico, da Kandinsky a Dubuffet, si discuteva su cosa fosse il colore e se fosse giusto miscelarlo, senza che perdesse la sua anima, la natura ha scelto per sé una tavolozza impossibile da riprodurre, uno spettacolo difficile da spiegare.

Opera di Kandinsky

“Sostanze semplici, vegetali, minerali e viscose. Lasciate sobbolire nel crogiolo del cuore dell’artigiano ben nato, mescolate a fondo e servite fiammeggiante”: così descriveva i colori G. Duthuit, nella sua opera del 1950 The Fauvist Painters. Ed è, a mio avviso, forse colui che si è avvicinato di più a ciò che nella realtà materiale può riassumere l’essenza del “colore”.

Continua a leggere “Storia, filosofia ed ecologia del colore: il verde Salento”

Ambiente, Scrivere il Salento, Territorio

L’insostenibile leggerezza del turismo: resoconto di una domenica al mare

Add to FaceBookAdd to Twitter

Tempo fa un’amica settentrionale mi disse: “Beati voi (salentini) che avete il mare a pochi chilometri, noi qui abbiamo solo il Seveso e le pantegane”. Forti di questa manna dal cielo, ieri mattina, dopo un giro di telefonate nel tentativo vano di prenotare un ombrellone con spiaggine presso qualche lido, zaini in spalla, abbiamo deciso di trascorrere comunque l’ultimo giorno di ferie sulla costa compresa fra S. Isidoro e Santa Caterina, giusto per cambiare versante e salvarsi dalla tramontana battente, che ha sconvolto spiagge e piani vacanzieri sull’Adriatico.

Ph. di Gianfranco Budano

La litoranea è intasata: sarà l’ora di punta o la giornata caldissima, una colonna di macchine ci costringe ad avanzare a passo d’uomo; quasi un’ora per andare da Lecce a S. Caterina, poi la ricerca affannosa di un parcheggio a incastro e infine la discesa al mare.

Continua a leggere “L’insostenibile leggerezza del turismo: resoconto di una domenica al mare”

Ambiente, Gastronomia, Territorio

Profumi del Salento: il finocchio selvatico

Add to FaceBookAdd to Twitter

Una giornata di jogging in campagna è come investire del tempo su se stessi: il fisico si riprende, si sveglia dal torpore della scrivania di fronte alla quale si lavora tutti i giorni; gli occhi si lasciano rapire da tutto ciò che c’è intorno e gli odori coprono quelli spesso medioevali e inquinati delle città.

Foeniculum vulgare
Foeniculum vulgare (ph. Wikipedia)

La campagna salentina offre un piccolo cesto di aromi, erbette quasi insignificanti, spesso snobbate, ma che se ben sfruttate possono lasciare a bocca aperta per intensità di profumi e di sapori. In mezzo a ciuffetti di ortica, ai margini di campi di grano ormai mietuti e avvizziti, si trova un alto fusto verde con fiorellini gialli: è il finocchietto selvatico, un vero e proprio microcosmo di virtù.

Continua a leggere “Profumi del Salento: il finocchio selvatico”

Ambiente, Gastronomia, Territorio, Tradizioni

Profumi del Salento: il rosmarino

Add to FaceBookAdd to Twitter

Illustrazione di R.officinalis
Si cammina spesso a occhi chiusi: si percorrono sempre le stesse strade, si respira per anni la stessa aria, senza accorgersi di nulla, perché l’abitudine ci rende cattivi osservatori e la distrazione ci sottrae alle riflessioni.

Eppure, fra la macchia mediterranea che copre le dune, spesso si possono intravedere cespugli odorosi di rosmarino, quell’arbusto che portato al naso fa venir voglia di arrosto: il suo nome deriva dalle parole latine ros (rugiada) e maris (del mare) e si è acclimatato nelle zone litoranee, fra sassi cotti dal sole o mimetizzato sotto alberi e cespugli, dal livello del mare fino alla zona collinare. Continua a leggere “Profumi del Salento: il rosmarino”