Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘autori salentini’

di MADELENE N’DIAYE CANITANO

Foto di Giusy De Santis

Vi racconterò una storia. Una storia di note, colonne sonore, musica, sorrisi, concerti, voci e ritmo. È iniziata cinque anni fa proprio nella mia scuola: ero una bambina in cerca di un orizzonte da raggiungere, in cerca di insegnamenti che mi potessero aiutare a diventare qualcuno; una bambina che, con la “navicella del suo ingegno”, alla fine della sua crescita, avrebbe dovuto inoltrarsi in mare aperto.
Il primo giorno d’orchestra avevo paura, con le mani tremolanti tenevo stretto il mio violino e con occhi sfuggenti cercavo la sicurezza nello sguardo dei più grandi. (altro…)

Annunci

Read Full Post »

di Alfredo Zumini

© Giuseppe Diso: Copia di Figura (olio su tela, cm 60×100, 2010)

la foto di lei
ritrovo nel cassetto
con la data la dedica
sul retro ingiallito
e nella stanza
non c’è più nessuno. (altro…)

Read Full Post »

di Anna Rita Longo

diario-elementareSulla scuola tutti si sentono in grado di dare pareri illuminati, di salire sul pulpito e di pontificare sulle carenze di un’istituzione che ha pochi difensori e molti critici. Quello della scuola è, però, un microcosmo che segue leggi tutte sue, incomprensibili per i non addetti ai lavori e spesso anche per gli addetti stessi. (altro…)

Read Full Post »

di Lucia Lopriore

Com’è noto, il fascino subìto dal Manzoni per la Signora deriva dall’avere letto le vicende della monaca nella Storia patria del Ripamonti: si tratta di fatti realmente accaduti a Marianna De Leyva, nata nel 1575, discente da nobile famiglia di origine spagnola feudataria di Monza.

Marianna diventò novizia all’età di tredici anni, nel monastero di Santa Margherita in Monza dove pronunciò i voti assumendo il nome di Suor Virginia Maria. Nel monastero godeva di ampia libertà, era maestra delle educande e da tutti era chiamata La Signora. Divenuta l’amante del giovane e ricco Gian Paolo Osio, Egidio nel romanzo, fu sua complice in una serie di delitti, dettati dalla necessità di mantenere segreta la relazione amorosa da cui nacquero due figli, uno morto alla nascita e l’altra, una bambina, che il padre tenne con sé.
(altro…)

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: