Arte

I personaggi della Battaglia di Lepanto e la Madonna del Rosario

di Daniela Bacca

Madonna del Rosario, Gian Domenico Catalano, 1615 ca., Casarano, Chiesa Parrocchiale

La festa della “Madonna della Vittoria”, promossa ed istituita da Papa Pio V, in ricordo della battaglia di Lepanto, avvenuta il 7 ottobre 1571, in cui la flotta della Lega Santa sconfisse l’Impero Ottomano, per intercessione della Vergine Santissima, si diffuse con viva intensità e devozione nella terra salentina, per secoli minacciata, saccheggiata e torturata dai sanguinari turchi. La battaglia, tra le più attese e partecipate del XVI secolo, fu vinta grazie alla protezione di Maria, che i cristiani  invocarono recitando il Rosario prima dei combattimenti, tanto che il papa Gregorio XIII, nel 1573, intitolò il culto alla “Madonna del Rosario”, la cui iconografia è tra le più note e tradizionali legate alle raffigurazioni mariane. Continua a leggere “I personaggi della Battaglia di Lepanto e la Madonna del Rosario”

Arte

Fuso e conocchia

di Daniela Bacca

Filo storico, mitologico ed iconografico.

Francesco Salviati, Le tre Parche, 1550

Fuso e conocchia sono tra gli oggetti più antichi e tradizionali delle donne, simboli del lavoro domestico ed amore per la casa e la famiglia, documenti della cultura agropastorale, emblemi delle virtù  femminili e del tempo che scorre. Sono in mano alle grandi Dee ed alle figure mitiche che governavano i momenti più importanti del ciclo della vita, alle donne presenti durante una scena di nascita, ad Eva dopo la cacciata dal Paradiso terrestre, alla donna virtuosa dell’Antico Testamento, a Maria nella scena dell’Annunciazione, alla Quaremma appesa per le strade nel periodo della Quaresima, alla Bella Addormentata, alle antiche e bravi massaie. Continua a leggere “Fuso e conocchia”

Arte

Donne committenti ritratte nelle opere d’arte

di Daniela Bacca

Teodora e le sue dame,Basilica di San Vitale a Ravenna, prima metà del VI sec

Fin dall’antichità, i committenti amavano farsi ritrarre all’interno dell’opera d’arte, ai piedi, alle spalle o ai lati delle raffigurazioni di una scena sacra o di un Santo. Segno di vicinanza spirituale e di fede, promozione di sé stessi e del loro stato sociale, “celebrazione” di potere, gloria e ricchezza. Desiderio ed ambizione di tramandare  la propria immagine esteriore ed emotiva, lasciando perpetua la testimonianza della personale esistenza e missione. L’usanza di collocare il ritratto dello “sponsor” che ha contribuito a realizzare l’opera religiosa fu introdotta dai noti mosaici del VI secolo nella Chiesa di San Vitale a Ravenna che raffigurano l’imperatore Giustiniano e la moglie Teodora. Continua a leggere “Donne committenti ritratte nelle opere d’arte”

Cultura salentina, Tradizioni

Lecce e Dicembre. Antiche ritualità

di Daniela Bacca

Lecce
Lecce, Campanile del Duomo (ph. Gianfranco Budano)
Lecce dicembrina sprigiona, fin dall’antichità, inediti e mediterranei profumi e costumi, grazie al fascino di particolari tradizioni sociali ed artistiche, ammalianti riti liturgici e gastronomici, originali atmosfere di festa ed intimità.

Vivere, conoscere e passeggiare dentro i suoi sentieri barocchi invernali, significa farsi avvolgere dal caldo dell’ospitalità locale, tessuta di pietre storiche, botteghe artigianali di cartapesta, luminarie colorate, presepi tradizionali, dolciumi e prodotti del forno natalizi, tele di Natività. Continua a leggere “Lecce e Dicembre. Antiche ritualità”

Arte

Osservate le mie mani

di Daniela Bacca

Gesù Bambino delle mani, Pinturicchio, 1492

La vita, il carisma ed il messaggio di Gesù sono scritti nelle sue mani, che si rivelano gesto, linguaggio e simbolo della sua e nostra storia divina ed umana.

Tanti e diversi sono gli eventi descritti nel Vangelo in cui il Messia agisce, parla ed  interviene con le proprie mani per guarire gli ammalati, proteggere e rassicurare la gente, e farsi riconoscere Risorto mostrando i segni dei chiodi.

Nell’iconografia cristiana, con la raffigurazione ed il culto di Gesù Bambino, le manine del piccolo “Figlio dell’uomoparlano della sua natura di bimbo, di regalità, di profezia e di divinità. Continua a leggere “Osservate le mie mani”