Ambiente, Saggio, Scienza

Piante spontanee ad uso magico, rituale, medicinale e inebriante in provincia di Taranto e nel Salento (1/8)

Di Gianfranco Mele

Introduzione: la flora spontanea del territorio

La mia ricerca prende le mosse e l’ispirazione da escursioni condotte soprattutto nell’entroterra di un’area del tarantino, nello specifico l’agro di Sava (TA) con le sue contrade (in particolare “Petrose”, “Pasano”, “Agliano”, “Grava”, “Ciavarini”), parzialmente in zona costiera (Campomarino di Maruggio, S. Pietro in Bevagna) e inoltre in parte dell’agro più prossimo alla città di Taranto. L’habitat è quello tipico della flora del Salento e infatti ritrovo sommariamente tutte le specie descritte nei vari manuali e studi di botanica salentina. Ho esteso perciò parte di questo studio a usi e tradizioni del territorio salentino stesso.

Continua a leggere “Piante spontanee ad uso magico, rituale, medicinale e inebriante in provincia di Taranto e nel Salento (1/8)”

Ambiente, Gastronomia, Territorio

Profumi del Salento: il finocchio selvatico

Add to FaceBookAdd to Twitter

Una giornata di jogging in campagna è come investire del tempo su se stessi: il fisico si riprende, si sveglia dal torpore della scrivania di fronte alla quale si lavora tutti i giorni; gli occhi si lasciano rapire da tutto ciò che c’è intorno e gli odori coprono quelli spesso medioevali e inquinati delle città.

Foeniculum vulgare
Foeniculum vulgare (ph. Wikipedia)

La campagna salentina offre un piccolo cesto di aromi, erbette quasi insignificanti, spesso snobbate, ma che se ben sfruttate possono lasciare a bocca aperta per intensità di profumi e di sapori. In mezzo a ciuffetti di ortica, ai margini di campi di grano ormai mietuti e avvizziti, si trova un alto fusto verde con fiorellini gialli: è il finocchietto selvatico, un vero e proprio microcosmo di virtù.

Continua a leggere “Profumi del Salento: il finocchio selvatico”