Cultura salentina, Poesie, Scrittori salentini

Il manoscritto

di Franco Melissano

Galeotto il manoscritto e chi ne fu l’autore. Non avrei durato l’improba fatica di tradurre in versi tanti passi dell’Eneide e del De Rerum Natura, se non lo avessi trovato. Ma andiamo con ordine. Continue reading “Il manoscritto”

Annunci
Poesia, Poesie

Lu pane e le rose

di Franco Melissano

Salvatore Leone: Bosco in Autunno (Olio su Tela 100 x 150)

 

“E nu pperdire tiempu cu ’sti versi,

ca nun è rrobba ca se po’ mangiare;

te glorria nun c’è mancu te cuntare:

suntu sutori, sordi e giurni persi! Continue reading “Lu pane e le rose”

Poesia, Poesie

Palore

di Franco Melissano

 

© Giuseppe Diso: Copia di Figura (olio su tela, cm 60×100, 2010)

Addhu penzi ca vai cu ‘ste vuci?

Francu, dimme, cce bbè ca te rimane?

Lu sule va sse nguccia quandu è mmane,

cu lle palore nun pporti e nun nduci. Continue reading “Palore”

Poesie

Comete te palore

di Franco Melissano

Fernando Graziano: Aquiloni - Olio su tela
Fernando Graziano: Aquiloni – Olio su tela

Quale ulteriore contributo al dibattito sulla poesia, metto a disposizione del popolo di Cultura Salentina le mie due liriche intitolate rispettivamente ‘Comete te palore’ e ‘Poeti’:

Cce scrive ncora osci lu pueta?

Quiddhu ca scrivìa seculi rreta:

sonni, speranze, fantassie, llusioni,

vestuti te sunetti e te canzoni. Continue reading “Comete te palore”

Poesia, Poesie, Scrittori salentini

Gabo è tornato a Macondo

di Franco Melissano

 

gabo
Gabriel García Márquez, Aracataca, 6/3/1927 – Città del Messico, 17/4/ 2014

E chi ci svelerà mondi incantati

dove la pioggia segna il tempo al mito

e guida il sogno dentro

paludosi arenili

di cuori già ingrigiti dal potere? Continue reading “Gabo è tornato a Macondo”

Poesia, Poesie, Scrittori salentini

Lu pùlice temocraticu

di Franco Melissano

 

 

daumier
“Crispin e Scapin” (1864 circa), Honoré Daumier (1808 – 1879), Museo d’Orsay – Parigi (Olio su tela cm. 60,5 x 82)

Zumpandu su lle mani a lli mpiacati

doi pùlici ca stìane ngucciati

sutta ll’archiviu te lu tribbunale,

senza mancu cu nchianane le scale, Continue reading “Lu pùlice temocraticu”