Personaggi, Storia

Come ti maledico un ladro

ladro
F. Botero, Il ladro, (2000)

Quando lessi il documento che segue scritto da un parroco di Spongano nella prima metà del Seicento, e per la prima volta pubblicato nel 1998 dallo studioso Filippo Casarano, rimasi profondamente impressionato per la veemenza delle frasi in esso contenute. Questa testimonianza è una formula di scomunica che il prete del casale di Spongano aveva elaborato per intimorire coloro che si fossero macchiati del reato di furto. A quanto pare, ma è solo una tesi, la popolazione locale era vittima in quel tempo di frequenti ruberie di frutti e di quant’altro servisse per mangiare e allora gli abitanti, non potendosi rivolgere all’autorità amministrativa per essere protetti giacché era questa una zona molto periferica, ricorse al prete che svolgeva allo scopo anche funzioni amministrative. Continua a leggere “Come ti maledico un ladro”

Annunci