Racconti, Storia

I promessi sposi di Parabita

la storia impossibile di un amore impossibile

“È stato sempre ricercando l’impossibile che l’uomo ha realizzato il possibile. Coloro che si sono saggiamente limitati a ciò che appariva loro come possibile, non hanno mai avanzato di un solo passo” (M. Bakunin).

promessi-sposi
Nella mia folle e continua ricerca dell’impossibile, in realtà vado cercando non tanto il meraviglioso, quanto il meravigliato; e per questo motivo, dopo aver assunto notizie probabilmente incomplete (vedi bibliografia), ho deciso di proporre a tutti gli amici di Cultura Salentina una vicenda che appare impossibile, ma che mi ha riempito di meraviglia e, allora, perché non approfondire la ricerca? Continua a leggere “I promessi sposi di Parabita”

Bibliografia, Recensioni, Scrittori salentini

Da 99 a 131 famiglie parabitane, nel nuovo libro di Ortensio Seclì

di Paolo Vincenti

copertina

“Tuffarsi nel passato a ricostruire la propria genealogia e risalire alle origini non significa ricercare a tutti i costi antenati tra i Crociati, o tra illustri personaggi, o protagonisti di fatti e gesta clamorose. Continua a leggere “Da 99 a 131 famiglie parabitane, nel nuovo libro di Ortensio Seclì”

Recensioni

Parabita: “Un jardin… y es una bella joya”

di Paolo Vincenti

Parabita: “un jardin…y es una bella joya” è il titolo di una pubblicazione della Pro Loco di Parabita, edita nel 2005-2006.  Questa pubblicazione nasce nel 1976, con il titolo A Parabita Due notti d’estate ed è legata alla Sagra dell’Anguria che per quasi trent’anni si è immancabilmente tenuta a Parabita in agosto, organizzata dalla locale Pro Loco. Accanto alla sagra, appuntamento molto atteso in passato, la Pro Loco organizzava la MarciaLonga, cioè una gara podistica che si svolgeva fra le strade del centro storico di Parabita. Nell’associazione culturale parabitana, intitolata al notaio Giovanni Vinci, la vera anima della Pro Loco è  lo studioso Mario Cala, autore di moltissime pubblicazioni di storia parabitana. Continua a leggere “Parabita: “Un jardin… y es una bella joya””

Saggio, Storia, Tradizioni

La Madonna della Coltura a Parabita

di Paolo Vincenti

Basilica della Madonna della Coltura

Come ogni anno, Parabita ha tributato grandi onori alla sua protettrice, la Madonna della Coltura, nei tre giorni di festa che si svolgono a fine maggio, in onore “ta Madonna noscia”. Tutto parte da quell’agricoltore della leggenda che, arando un campo in località Paradiso, rinvenne il famoso monolito. Continua a leggere “La Madonna della Coltura a Parabita”

Ambiente, Territorio

Alberi e biodiversità a Parabita del Salento leccese

di Antonio Bruno

Mature olive tree
© Gianfranco Budano: Mature olive tree

Ieri, 20 novembre 2010 presso il Liceo Artistico di Parabita ho accarezzato l’argomento che mi ha fatto comunicare a ragazze e ragazzi di Parabita del Salento leccese quello che Costanza nel 1997 ha validamente quantitativizzato in termini ecologico – economici: il servizio ecologico prodotto dalla biodiversità nel controllo delle alluvioni, nella protezione del suolo dalle erosioni, nella produttività del suolo, nel filtraggio delle acque, nella purificazione dell’aria, nella regolazione del clima, nella riutilizzazione dei rifiuti urbani, nella produttività in generale. Continua a leggere “Alberi e biodiversità a Parabita del Salento leccese”

Archeologia

Esegesi delle Veneri di Parabita: le mitiche Antenate

di Cosimo Giannuzzi

Una delle veneri di Parabita
Una delle veneri di Parabita

I tratti delle Veneri di Parabita che richiamano l’attenzione, perché si prestano ad una interpretazione del loro ruolo, sono la posizione delle mani posate sul grembo e, nella Venere ritenuta più importante, le solcature su una parte del volto e del collo.

La postura delle mani, conforme nelle due statuette, non trova analogie con le statuette occidentali, ma è riconoscibile in esemplari siberiani della cultura pavloniana di Kostienki I e di Avdejevo, suggerendo una medesima convenzione stilistica. Continua a leggere “Esegesi delle Veneri di Parabita: le mitiche Antenate”