Arte, Cultura salentina, Personaggi, Saggio

Edoardo De Candia: “Sembra Quasi Che Il Sole Tramonti” (Ultima parte)

Edoardo De Candia
Edoardo De Candia

di Augusto Benemeglio

Edoardo fu il  primo figlio dei fiori del Salento, uno di quelli che fate l’amore non fate la guerra… (“Solo amore  amore, niente altro, solo amore. Senza amore noi muti rabbrividiamo”), ma  non ha mai mosso un dito per fare qualcosa di concreto, con costanza, con applicazione, con serietà. Niente. “Solo  pittare, sempre pittare, e lavorare mai”?, gli dicevano padre e madre. Ha fatto di tutto per annientarsi…Alla fine i genitori lo hanno fatto rinchiudere in manicomio e così sono riusciti a fargli perdere quel minimo di contatto con la realtà, realtà che non capiva e non amava (“I miei genitori erano colpevoli, ma i medici  erano  ancor più fessi e colpevoli di loro”).

Continua a leggere “Edoardo De Candia: “Sembra Quasi Che Il Sole Tramonti” (Ultima parte)”

Annunci
Cultura salentina, Territorio

La storia, come un idiota, meccanicamente si ripete

“La storia, come un idiota, meccanicamente si ripete” (Paul Maurand)

Barche a secco
Barche a secco di Agnese Bascià

Erano gli anni Ottanta e le coste basse e sabbiose di Torre Chianca, San Cataldo, Torre Veneri erano zone di scalo notturno di albanesi, tunisini e marocchini, che dopo un’estenuante nuotata per raggiungere la riva, sui tetti delle case delle marine leccesi si toglievano i vestiti bagnati e si disperdevano nell’entroterra salentino in cerca di una vita nuova in quell’Italia che doveva sembrare – allora, oggi forse non più – un bellissimo miraggio.

Continua a leggere “La storia, come un idiota, meccanicamente si ripete”