Scrittori salentini

La casa nel viale

di Lorenzo De Donno

viale
Maglie, viale Madonna Addolorata (ph. Mauro Minutello, 2014)

Percorrendo il viale dell’Addolorata, mi sono soffermato, quasi senza volerlo, davanti ad una bella casa di pietra bianca, dallo stile vagamente “deco”, che risale ai primi del 900. Quella costruzione la conosco bene per esserci passato davanti migliaia di volte, apparteneva alla Signora Mele, una brava e “storica” maestra che era ancora in servizio presso la Scuola Elementare Principe di Piemonte, quando io ne ero alunno, alla fine degli anni ‘60.

Continua a leggere “La casa nel viale”

Scrittori salentini

Vento di insonnia

di Lorenzo De Donno

ignudo e vento
Alberto Venditti, “L’ignudo e il vento” (2011) – olio su tela

Notte di insonnia, di tempesta e di nuvole basse. Di scirocco africano, pregno delle sabbie del Sahara e di essenze tribali. Impietoso, ha scosso incessantemente il bosco di lecci ed ha zittito la civetta e l’assiolo. Continua a leggere “Vento di insonnia”

Scrivere il Salento

Santa Cesarea, Nostra Signora un po’ chic

di Paolo Vincenti

fuga

Guardando Santa Cesarea dal mare non si può fare a meno di notare, fra i colori intensissimi della splendida località adriatica, la sua grande cupola arancione, che spicca, altera e monumentale, Continua a leggere “Santa Cesarea, Nostra Signora un po’ chic”

Cultura salentina, Racconti

Una poesia senza parole: Un morso di pane prima di dormire

di Lele Mastroleo

mmmdas

…si è acceso un faro laggiù sulla Punta di Mezzacapra, tra lo scoglio dei preti e la colonna del Mungurune e soffia la quiete nella baia della via del sale, e nel mentre, inganno la metà grigia del mio fantasma cantando una nenia:

…gira la luna sulla mia faccia Iddio di tutti i sentieri che non vedrò mai, Continua a leggere “Una poesia senza parole: Un morso di pane prima di dormire”

Gastronomia, Scrivere il Salento, Territorio

Il giallo del melone giallo

di Lorenzo De Donno

 

I pochi frutti rimasti sulla sommità dei fichi d’india erano turgidi ed invitanti. I bambini, qualche metro più in basso, ne immaginavano già la polpa zuccherina, croccante e granulosa. Continua a leggere “Il giallo del melone giallo”

Cultura salentina, Scrivere il Salento, Territorio

ACINI D’ESTATE

di Rocco Boccadamo

Asperrima
Mare salentino (ph. G. Budano)

A fianco della provinciale che declina, quasi scivolando, verso l’Arenosa, sul finire del primo rettilineo e immediatamente a ridosso del belvedere panoramico che spazia sulla costiera da Castro a Santa Maria di Leuca, si estende un appezzamento di terreno denominato “Magno”.

Rievoca, tale sito, antichi ricordi, risalenti addirittura ai tempi dell’infanzia, allorquando il fondo era condotto in mezzadria da una numerosa famiglia del medesimo rione, Ariacorte, in cui è nato e cresciuto chi scrive, per, poi, passare agli zii che vi coltivavano cereali e, soprattutto, tabacco. Continua a leggere “ACINI D’ESTATE”

Cultura salentina

Scorre il tempo, fra statistiche, sogni e speranze

Pasquale Urso (Acquaforte)

di Rocco Boccadamo

Secondo gli ultimi dati dell’Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT), la popolazione residente in Italia si attesta su 60.387.000 unità, rispetto ai 57.000.000 di soggetti censiti il 21.10.2001; negli anzidetti totali sono compresi gli stranieri, pari rispettivamente a 4.279.000 e 1.335.000.

I più 2.944.000 residenti originari di altri paesi risultano, quindi, assolutamente determinanti ai fini della lievitazione complessiva, 3.387.000, nel numero degli abitanti.

Dati particolari assai indicativi, i residenti minori di 14 anni costituiscono il 14% del totale, mentre gli over 65 sono il 20,2%.

Come è noto, l’Istat si identifica come caposaldo positivo e lodevole in seno alle strutture della Pubblica Amministrazione. Le sue tabelle, rilevazioni e analisi sono sempre frutto di studi approfonditi e di ricerche rigorose e puntuali. Continua a leggere “Scorre il tempo, fra statistiche, sogni e speranze”