Cultura salentina

ARTONAUTI. Le figurine dell’arte: l’album che ti porta in giro per il mondo

di Paolo Rausa

Con grande e piacevole sorpresa troviamo in edicola l’album per ragazzi (e per grandi) dal nome
evocativo “ARTONAUTI. Le figurine dell’arte”, che ricorda uno dei primi viaggi nel Mediterraneo
dei greci antichi da Iolco in Tessaglia fino alla Colchide (attuale Caucaso, Georgia) alla ricerca del
Vello d’oro. Li guidava Giasone, erano 50 eroi famosi. Il viaggio ebbe buon esito grazie all’aiuto di
Medea, attratta irresistibilmente dal comandante della spedizione. Ma poi le cose andarono
diversamente, come spesso accade alle vicende umane. Continua a leggere “ARTONAUTI. Le figurine dell’arte: l’album che ti porta in giro per il mondo”

Cultura salentina, Saggio

I fiori di Salvatore Toma

di Tina Cesari

Foto di Pietro Notarnicola

Salvatore Toma nasce l’11 maggio 1951, o meglio, l’11-12 maggio, come scrive nel suo famoso Autoritratto. Siamo nella stagione della primavera, quella dei fiori. E lui è nato in mezzo ai fiori, dal momento che il padre “Ginu Toma è titulare te sta casa/ addhru li meju fiuri poi thruare” (Gino Toma è il titolare di questa casa/ dove puoi trovare i fiori più belli), come scrive Oronzo Maruccio, poeta magliese, nella poesia “La casa te li fiuri, a Maje”. Continua a leggere “I fiori di Salvatore Toma”

Cultura salentina, Recensioni

Era un raggio…entrò da Est, di Anna Rita Merico

di Mimì Mastria

Quella di A.R. Merico è una poesia profonda, meditata, che scaturisce dal desiderio di riappropriarsi e stare dentro le radici della nostra cultura rileggendo e reinterpretando in modo personale il passato più lontano. E’ il passato “più lontano” che si rivela essere nocciolo del presente. Continua a leggere “Era un raggio…entrò da Est, di Anna Rita Merico”

Cultura salentina

Le voci del vento. Poesie di Sofia Stevens

a cura di Anna Grazia Abbate


1.Annagrazia Abbate.

Annagrazia  Abbate ha curato  “ Le voci del vento” , edizioni Milella, 2020, un libro che raccoglie tutte le poesie  di Sofia Stevens – , pubblicate, postume,  nel 1877 – subito dopo la prematura morte della poetessa – come fogli sparsi, da un biografo anonimo, col titolo “ Canti” , un omaggio al suo poeta preferito, tanto amato, e talora imitato, l’inarrivabile Giacomo Leopardi, uno dei più grandi poeti dell’umanità. Continua a leggere “Le voci del vento. Poesie di Sofia Stevens”

Cultura salentina, Recensioni

Fuori dal sogno: Dino Licci

di Rocco Aldo Corina

FUORI DAL SOGNO

Dino Licci, un poeta, uno scrittore, uno studioso della meccanica quantistica. Si è soffermato su Glashow, Salam e Weinberg, premi Nobel, naturalmente, che elaborarono la Teoria Elettrodebole, «una teoria dei campi – dice – che si può considerare un’estensione della teoria di Maxwell sull’elettricità e magnetismo e che spiegava anche la trasformazione dei protoni in neutroni e viceversa, il funzionamento delle armi nucleari e l’attività del sole»(1). Continua a leggere “Fuori dal sogno: Dino Licci”

Cultura salentina

Io e la magia dei suoni

di  Dario Massimiliano Vincenti

La vita è spesso generosa di incontri, e ciò che non è accaduto per anni, può sempre accadere: per caso, per propria scelta, per  volontà di altri… comunque premio di emozioni e abbraccio di anime. E le coincidenze, nella grande confusione e rumore di bagagli e passeggeri della grande stazione di arrivi e partenze che è appunto la vita, a volte si riescono a prendere. Continua a leggere “Io e la magia dei suoni”

Cultura salentina

Matapan, il luogo della memoria

di Augusto Benemeglio


1.Dopo ottant’anni , immobile, sulla sommità della plancia della “Vittorio Veneto” , l’Ammiraglio Angelo Iachino fissa ancora instancabilmente le acque lontane dove cinque sue navi vennero distrutte in battaglia, e sembra chiedere agli dei del mare e ai 2335 marinai scomparsi nei suoi abissi: perché? Continua a leggere “Matapan, il luogo della memoria”

Antropologia culturale, Cultura salentina, Scrivere il Salento, Tradizioni

I riti della Settimana Santa a Gallipoli

Questo slideshow richiede JavaScript.

Potremmo far rientrare i riti della Settimana Santa, che si svolgono a Gallipoli da tempo immemorabile (forse dai moti penitenziali del XIV secolo) e con straordinaria partecipazione di tutta la popolazione, nell’ambito dell’antropologia culturale e sociale, Continua a leggere “I riti della Settimana Santa a Gallipoli”

Cultura salentina

Una radiografia dell’Italia di oggi , piena di decadenze

Il secondo libro sulla pandemia di Nicola Apollonio

di Augusto Benemeglio

“La vera saggezza – scrive Papa Francesco – presuppone l’incontro con la realtà”, anche quando questa realtà non ci piace o è dolorosa perché ci confronta con quell’idea della malattia e della morte che vorremmo sempre mettere da parte. E la realtà di oggi è il Covid. Continua a leggere “Una radiografia dell’Italia di oggi , piena di decadenze”

Cultura salentina, Opinioni

Mai fidarsi degli scrittori

di Lorenzo De Donno

Dipinto in olio su tela di autore anonimo e di eccellente fattura ritraente  un uomo, probabilmente uno scrittore. Una piccola dedica recita a Don  Rondelli B... Italia, Primo Ottocento

Era l’autunno di molti anni fa. Uno dei miei scrittori preferiti presentava a Lecce il suo ultimo romanzo. Andai ad assistere alla presentazione e ricordo che mi colpì molto la sua commozione, che era un fatto del tutto inedito per una personalità boriosa e saccente come la sua, quando – nel parlare della sua opera – a un certo punto cambiò espressione e tonalità della voce. Il pubblico capì che stava succedendo qualcosa fuori programma, infatti il brillante scrittore si accingeva a fare una confessione. Continua a leggere “Mai fidarsi degli scrittori”

Cultura salentina

Hegel e la pandemia

di Dino Licci

Hegel raffigurato in un ritratto del 1831 di Jakob Schlesinger (da Wikipedia)

Ogni volta che ho dovuto definire biologicamente l’uomo, io ho usato questa frase: L’uomo è “l’animale che sa di dover morire” che praticamente significa che egli ha acquisito la capacità di astrazione che potremmo anche chiamare coscienza di sé.
Questo principio prettamente biologico cominciò a formularsi fin dal sesto secolo a.C. quando i presocratici si posero le prime domande di carattere escatologico e cercavano l’archè cioè il principio vitale da cui tutto scaturisce. Continua a leggere “Hegel e la pandemia”

Cultura salentina, Racconti, Scrittori salentini

Chi ha paura del buio?

di Pino Refolo

Pablo Picasso, La famiglia di arlecchino«E quando ci arrabbieremo, prenderemo chilometri e chilometri di corda per fare degli enormi lazi. Li lanceremo in cielo e tireremo giù una volta per tutte le stelle e quella stupida luna. Così nessuno guardando il cielo potrà più dire: che luna, che stelle, perché non c’é poesia lassù, ma soltanto scienza, chimica…» Continua a leggere “Chi ha paura del buio?”