Poesie, Scrittori salentini

‘nfilu fiette te pinsieri

di Lele Mastroleo

 

E. De Donno, Maglie, acquerello n. 9 (2007)

 

‘nfilu fiette te pinsieri

alla pennula te lu sciroccu,

mentre scuricie nnu sabbitu

te ‘nzalicu e nuli scure,

ggiru l’abbitu allu giurnu

e chiudu a chiae puru l’occhi.

E me ‘nfacciu alla loggia

comu vagnone ‘mbrazze ‘a mamma,

e sentu ‘rrivare nu rusciu luntanu,

ddhu rumore te ‘ranu stumpatu,

de site te subbra li rami cadute,

poi na dulore a rrasu le scinucchie.

E nnu capiscu percene

ma mme ricorda Leuca,

e nnu capiscu percene

ma mme subbuja l’anima…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...