Scrivere il Salento, Tradizioni

Lu rusariu, li vistiani niuri e li maccaluri*

di Biagio Liberti

www.pasqualeurso.it
Pasquale Urso, acquaforte

Si sa, i vissuti infantili sono formidabili: colori, suoni, forme, odori, figure, parole attraversano quegli anni, si depositano e sprofondano nella mente, nei meandri sinaptici direbbero i neurofisiologi. Poi inizia la vita sparpagliata, frenetica, arroventata dalle necessità, incombenze.

Così, se ti capita un funerale, aggallano certe immagini di una schiera compatta e nera, in circolo in genere, di molte donne e pochi uomini, peraltro spesso accantonati in stanza accanto, che intraprende un viaggio ipnotico di gesti manuali e parole: la recita del Santo Rosario.

Nei ricordi infantili, appunto, era un susseguirsi di suoni (parole) incomprensibili: kirieleyson, christeleyson, virgopredicanda, virgoveneranda, turriseburnea, quasi in lallazione, condotta dalla caposquadra che a volte armeggia con un libro nero dai bordi pagina rossi, lenta ma costante, con incisi automatici del “coro”(non so se ci siano volute prove, almeno le prime volte).

Allora mi è venuta la curiosità di chiedere a mia madre: ma quando recitavate il rosario, capivate le parole che dicevate? E lei: no, si recitava e basta: e ci sapia gnienti.

* Il rosario, le vesti lunghe e nere e i fazzoletti da capo.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...